Bankitalia, debito record a 1.911,8 miliardi

Pubblicato il 14 Settembre 2011 10:49 | Ultimo aggiornamento: 14 Settembre 2011 17:38

ROMA, 14 SET – Il debito pubblico italiano a luglio è salito al livello record di 1.911,807 miliardi di euro, oltre 10 miliardi in più rispetto a giugno quando per la prima volta ha superato la barriera dei 1.900 miliardi.

A sancire il triste record è il Supplemento al Bollettino statistico della Banca d’Italia dedicato alla finanza pubblica. Da precisare che con questo dato Bankitalia misura lo stock di debito e non il suo rapporto con il Pil; è quest’ultimo invece il parametro di riferimento per il Patto di stabilità europeo.

Dopo il record di giugno, quando il debito si era attestato a quota 1.901,874 miliardi di euro, a luglio si è registrato un nuovo passo in avanti, a 1.911,807 miliardi di euro, mezzo punto percentuale in piu’ rispetto al mese precedente. Rispetto a fine 2010 il debito pubblico italiano è cresciuto del 3,7%, mentre rispetto all’anno precedente (luglio 2010), lo stock di debito è aumentato del 3,9%.

Tiene, invece, il gettito dei tributi erariali. Nel periodo gennaio-luglio le entrate tributarie hanno guadagnato l’1,3% e si sono attestate a 221.643 milioni di euro (+2.791 milioni). Dati che confermano una buona tenuta e che sono in linea con le previsioni.

In aumento il gettito delle imposte indirette (+3,8%) aumentate di 3.690 milioni di euro rispetto al corrispondente periodo del 2010. In incremento, di 1.366 milioni di euro, anche il gettito Iva (+2,4%).

Crescono anche le entrate relative ai giochi, aumentate del 17,3% (+1.182 milioni di euro) sostenute, in particolare, dai proventi del lotto (+37,5% pari a +1.069 milioni di euro) e dalle entrate degli apparecchi e congegni di gioco (+9,6% pari a +194 milioni di euro).