Bce taglia le stime, Borse giù: Milano -2,6%, spread a 280

Pubblicato il 6 Giugno 2013 17:51 | Ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2013 18:09

Cedono le banche, Borsa in caloROMA – Spread Btp-Bund oltre 280 punti, Piazza Affari a picco. Così i mercati italiani reagiscono al taglio delle stime all’eurozona da parte della Bce. Il tutto con l’euro che dopo il mantenimento dei tassi invariati vola sui massimi e i listini Ue frenano ma senza particolare scossoni.

A incassare il colpo più duro è Milano, che chiude al 2,6% con i titoli bancari al tappeto: E’ Mps il peggior titolo di Piazza Affari con un calo dell’8,08% a 0,23 euro. Il titolo, sospeso più volte al ribasso, eè andato giù con la fiammata dello spread, tornato sopra ai 280 punti. Volumi da capogiro: è passato di mano il 4,5%, vale a dire quasi 530 milioni di pezzi. In rosso anche le altre banche: con Ubi (-6,16%) e Bper (-5,02%) protagoniste di una congelamento nel finale, mentre il Banco Popolare ha perso il 5,23%, UniCredit il 4,65% e Intesa Sanpaolo il 4,49 per cento. Fiat perde il 6%.

Londra chiude a -1,3%, Francoforte -1,1 e Parigi -0,99%.