Bernanke: “La Fed è pronta ad agire. Non escludo acquisti di titoli di stato”

Pubblicato il 31 agosto 2012 22:37 | Ultimo aggiornamento: 31 agosto 2012 22:47
Ben Bernanke

Ben Bernanke (LaPresse)

NEW YORK –  Il presidente della Fed, Ben Bernanke Il presidente della Fed, Ben Bernanke, per quanto riguarda la crisi  economica mondiale, continua a vedere nero. La situazione economica è ”lungi dall’essere soddisfacente” e la ”stagnazione del mercato del lavoro” è secondo Bernanke una ”grande preoccupazione”.

La Fed però è pronta ad aiutare, anche con un nuovo round di acquisti di titoli di stato che ”non può essere escluso”, perché ha già ”fornito un sostegno sisgnificativo all’economia”. Il presidente conferma così la volontà della banca centrale americana di voler scendere in campo per aiutare una ripresa lenta, sui cui spirano ”venti contrari”, quali la crisi del debito europea e il ‘fiscal cliff’, l’aumento delle tasse e la stretta alla spesa che scatteranno fra la fine del 2012 e l’inizio del prossimo anno.

Bernanke dal summit della Fed di Jackson Hole difende le misure prese dalla Fed e spinge i listini americani che, dopo una breve frenata al termine del suo intervento, tornano a correre: come è successo nelle ultime cinque occasioni in cui Bernanke ha parlato, il Dow Jones accumula guadagni a tre cifre, salendo più di 100 punti. Gli analisti scommettono in un nuovo, il terzo, round di quantitative easing, che secondo Pimco – il maggiore fondo obbligazionario al mondo – ha grandi possibilità di verificarsi già il prossimo mese, quando la Fed di riunirà il 12-13 settembre.

Bernanke comunque non fornisce alcuno spazio temporale per un’azione della banca centrale, così come non offre indicazioni su quali iniziative saranno prese. ”Tenuto conto delle incertezze e dei limiti degli strumenti di politica monetaria, la Fed fornirà ulteriori politiche accomodanti se necessario per promuovere una più forte ripresa economica e un sostenuto miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro” afferma Bernanke, sottolineando che l’acquisto di ulteriori asset da parte della Fed avrebbe dei costi. ”Allo stesso tempo, però, i costi delle politiche non tradizionali, se considerati attentamente, sembrano gestibili, e questo implica che non si possono escludere ulteriori politiche di questo tipo se le condizioni economico lo assicurano”.

L’acquisto di asset ha infatti avuto dei benefici sulla ripresa, aiutandola, così come ha ridotto i rischi di deflazione. A preoccupare Bernanke è la ”tiepida” ripresa economica: ”A meno che l’economia non inizi a crescere più rapidamente di quanto fatto di recente, il tasso di disoccupazione resterà sopra i livelli” che la Fed considera in linea con il proprio mandato. La stagnazione del mercato del lavoro è una ”grave preoccupazione non solo per le sofferenze causate ma perché elevati livelli di disoccupazione possono causare danni strutturali all’economia, per risolvere i quali ci vorrebbero anni”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other