Benzina ridotta di 5 cent? Consumatori: “Taglio insufficiente”

Pubblicato il 8 Maggio 2012 15:11 | Ultimo aggiornamento: 8 Maggio 2012 16:21

ROMA – La riduzione di 4-5 centesimi al litro prospettata dal sottosegretario allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti, ''risulta ancora del tutto insufficiente ed inadeguata''. Lo affermano Adusbef e Federconsumatori, sottolineando che, ''come dimostrato da recenti ricerche, vi e' il margine per una diminuzione di oltre 8 centesimi al litro'' perche' ''a tanto ammonta il sovrapprezzo pagato dai consumatori''.

Si tratta, spiegano in una nota, di ''un surplus che, se eliminato, farebbe scendere il costo della benzina non di 8 centesimi, ma di ben 9,7 centesimi al litro, dal momento che, con l'IVA al 21%, vi sarebbe un'ulteriore riduzione di 1,7 centesimi'', con risparmi di 116 euro l'anno ad automobilista.

''E' necessario dare un taglio a questa situazione. Basta con le timidezze sulla modernizzazione della filiera: e' necessario – sostengono Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti – procedere tempestivamente in direzione di una riforma del settore, a partire da una completa liberalizzazione. Finalmente, inoltre, si prospetta un intervento per la sterilizzazione dell'Iva, che dovra' avvenire, come richiediamo da tempo, attraverso la compensazione con l'accisa''.