5 settembre: meno tasse sulla benzina. Il governo ci prova

Pubblicato il 30 agosto 2012 16:40 | Ultimo aggiornamento: 30 agosto 2012 16:44
Claudio De Vincenti

Claudio De Vincenti (Foto Lapresse)

ROMA – Giovedì mattina del 30 agosto. Alla trasmissione radiofonica “Radio Anch’Io” il sottosegretario allo Sviluppo economico Claudio De Vincenti interviene sugli aumenti della benzina, che ha superato quota 2 euro al litro, e dice: “Stiamo ragionando sull’applicazione del decreto del 2008 che ci consente di compensare l’aumento dell’Iva con la riduzione delle accise, in modo da sterilizzare l’imposta rispetto all’aumento. Stiamo lavorando su questo, c’è un decreto che prevede che questo si faccia a certe condizioni, stiamo valutando se ci sono queste condizioni”.

L’eventuale riduzione delle accise verrà discussa nel Consiglio dei ministri che si sarebbe dovuto tenere venerdì 31 agosto, e che è slittato al 5 settembre.

La promessa di abbassare le accise sui carburanti per bilanciare l’aumento dell’Iva non è nuova: fatta più volte in passato, è sempre stata disattesa. Che questa volta la promessa venga mantenuta è nell’interesse degli italiani e dello stesso governo, visto che con la benzina a due euro al litro potrebbe essere a rischio la sostenibilità sociale e quella dell’esecutivo.