Bitcoin crolla del 50% in un mese: quotazioni sotto 10mila dollari

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 gennaio 2018 11:35 | Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2018 11:35
bitcoin

Bitcoin crolla del 50% in un mese: quotazioni sotto 10mila dollari

ROMA – Bitcoin crolla del 50% in un mese: quotazioni sotto 10mila dollari. Il Bitcoin salva una giornata nera con un recupero nel finale: dopo aver accumulato perdite anche del 17% scendendo sotto i 10.000 dollari, la criptovaluta ritrova slancio e avanza del’1,9% sfiorando gli 11.000 dollari. Una seduta che conferma la volatilità del Bitcoin, tornato a salire dopo la sua peggiore due giorni dal 2015, con quotazioni crollate a 9.186 dollari, perdendo il 50% rispetto al record storico di solo un mese fa e bruciando 300 miliardi di dollari in valore dal 13 gennaio.

Il nuovo crollo arriva mentre le autorità di regolamentazione valutano una stretta alle criptovalute, ritenute un investimento molto volatile e altamente illiquido che mette a rischio i consumatori. ”E’ come nuotare con tutti gli squali del mondo” afferma Charles Evans, il presidente della Fed di Chicago. Le criptovalute sono una ”minaccia in evoluzione” taglia corto il Tesoro americano, lanciando l’ennesimo allarme sulle valute digitali e facendo eco ai ripetuti avvertimenti giunti dai paesi asiatici.

E’ proprio l’Asia a guidare la spinta a una stretta decisa sulle criptomonete, con la Corea del Sud che valuta la chiusura delle piattaforme di scambio e la Cina che dichiara guerra al ‘mining’ e aumenta i paletti per l’esecuzione di transazioni. Ipotesi che lasciano gli speculatori a interrogarsi su quando e come le autorità interverranno per regolare un’industria che è decentralizzata e che trae la maggior parte del suo valore dall’anonimato sulla proprietà delle criptomonete.

In molti non avevano previsto un tale sviluppo, e anzi si attendevano che il lancio dei future sul Bitcoin da parte del colosso dei derivati CME e di Cboe aprisse la strada a un’ondata di nuovi Etf (Exchange-traded fund) e offerte di fondi comuni. Con il Bitcoin sono crollate tutte le sue sorelle: Etherum perde fino al 33%, il Ripple e il Litcoin il 35%. Cali a due cifre anche per e nuove nate Cardano, EOS e Monero.

Il recupero nel finale ha consentito al Ripple di invertire rotta e salire del 13%. ”Un attimo c’e’ esuberanza, l’attimo dopo ci sono paura e panico. Questo è quello che ci si aspetta da un mercato che sta nascendo fra molta disinformazione” afferma Charles Hayter, della società di ricerca CryptoCompare. ”Pensare che questo sia l’inizio della fine delle criptovalute e’ prematuro” mette in evidenza Fawad Razaqzada, di Forex.com. Piu’ cauto Cedric Jeanson, il fondatore di BitSpread, l’hedge fund di cripotovalute : ”E’ qualcosa che non abbiamo mai visto sui mercati tradizionali. Ma, a dirlo sinceramente, è normale per il Bitcoin”, dice con il Wall Street Journal.