Bollette luce e gas: il governo pensa di abbassare l’aliquota Iva dal 10 all’8%

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Settembre 2019 12:47 | Ultimo aggiornamento: 27 Settembre 2019 12:47
Bollette energia; il puiano per abbassare l'aliquota Iva

Contatori delle luce

ROMA – Il governo Pd-M5S, sulla scorta dell’esperienza fiscale in Portogallo, sta ragionando su una rimodulazione verso il basso dell’aliquota Iva che si applica sulle bollette energetiche, gas e luce. 

In Portogallo, il governo di centrosinistra lo scorso anno ha ridotto l’Iva su elettricità e metano dal 23 al 6 per cento. Un salto enorme. In Italia l’aliquota Iva sulle bollette per uso domestico (e fino a un certo livello di consumo) è oggi al 10%. L’obiettivo sarebbe quello di ridurla di un paio di punti percentuali. 

In questo modo, come primo effetto, verrebbero sterilizzati gli aumenti delle tariffe, un fatto misurabile da ognuno al momento della lettura della bolletta. 

Politicamente, spiega bene Claudio Tito su Repubblica, la rimodulazione dell’Iva aiuterebbe a sfatare quello che sembra diventato un tabù.

“Il presupposto per infrangere il diaframma che si era formato in questi mesi e che aveva trasformato l’Iva in una sorta di tabù inviolabile: alcune aliquote verranno abbassate e nello stesso tempo altre, per alcuni beni specifici, verranno alzate. Quella sui prodotti di lusso potrebbe superare l’attuale 22 per cento”. (fonti Ansa, Repubblica)