Fiat, Bonanni: “Voglio vedere i piani”. Angeletti: “Calo produzione inaccettabile”

Pubblicato il 16 settembre 2012 17:43 | Ultimo aggiornamento: 16 settembre 2012 21:27
Luigi Angeletti della Uil

Luigi Angeletti della Uil (LaPresse)

ROMA, 16 SET – Dopo SusannaCamusso della Cgil, scendono in campo per criticare l’ad di Fiat Sergio Marchionne anche Raffaele Bonanni della Cisl e Luigi Angeletti della Uil.

Intervistato dal Secolo XIX, il segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni spiega che Marchionne dovrà pubblicamente chiarire quali sono le strategia dell’azienda: ”Un caso è  sospendere i programmi, un’altra invece è cambiarli” indipendentemente da come possa evolvere il mercato.

”Penso che Marchionne farebbe bene a chiarire il concetto e spiegare se il programma pattuito è sospeso solo fino a quando il mercato non inverte il trend. Oppure l’intenzione è quella di cambiare indipendentemente da come vanno le vendite”, precisa il sindacalista, chiedendo all’amministratore delegato del Lingotto di ”arrivare a un chiarimento pubblico con noi prima di presentare il piano a ottobre”.

Fra i sostenitori dell’accordo firmato con la Fiat per la fabbrica di Pomigliano d’Arco, Bonanni non si pente dell’intesa: ”Tra chiudere un’esperienza e aprirne una nuova c’è una differenza enorme. Si stava discutendo di come rilanciare un impianto e io, ancora oggi, attendo chiarimenti in merito”. Bene l’intervento dei ministri Passera e Fornero: ”Credo sia giusto arrivare a un chiarimento pubblico”. ”Un incontro servirà a mettere a nudo l’atteggiamento strumentale di molte persone”. Per Bonanni “è arrivato il momento di far emergere in modo chiaro i soggetti che agiscono in malafede in questa triste storia, dimenticando che ci sono ampi territori italiani che vivono di quella produzione. La Fiat non è soltanto Torino ma anche gran parte del Centro sud”.

Per Angeletti della Uil non si può ” accettare riduzioni della capacità produttiva. Noi crediamo ancora che la Fiat possa restare una casa automobilistica competitiva ma perché ciò sia possibile bisogna crederci e fare gli investimenti necessari”. Angeletti spiega i motivi per i quali un calo della produzione non è accettabile: ”E’ evidente che siamo in una fase di crisi di mercato, ma in Italia, malgrado tutto, si produce un terzo delle auto che si comprano. In Europa la recessione ovviamente finirà”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other