Bonus facciate fino a fine 2020: sconto fiscale 90% recuperabile in 10 anni. Chi, cosa, come

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 Giugno 2020 13:17 | Ultimo aggiornamento: 1 Giugno 2020 13:17
Bonus facciate fino a fine 2020: sconto fiscale 90% recuperabile in 10 anni. Chi, cosa, come

Bonus facciate: sconto fiscale del 90% (Ansa)

ROMA – Fino al 31 dicembre 2020 resta per ora in vigore anche il bonus facciate: una detrazione al 90% – senza tetto di spesa – per abbellire le facciate delle case.

No cedibilità e bancabilità del credito fiscale

La cedibilità e la bancabilità (la cessione del credito fiscale all’impresa o alla banca) previste per il super eco-bonus (credito fiscale del 110%) valgono solo se i lavori riguardano anche l’isolamento termico e quindi sono compresi appunto nel super bonus.

In questo caso tuttavia è necessario anche l’Attestato di prestazione energetica

Credito fiscale recuperato al 90% in dieci anni

Quindi il credito fiscale per il rifacimento delle facciate viene recuperato al 90% in 10 rate di pari importo, una l’anno per dieci anni.

La circolare dell’Agenzia delle Entrate specifica che il bonus viene esteso anche ai lavori eseguiti “sui balconi o su ornamenti e fregi”.

Bonus facciate, chi può usufruirne

Oltre ai proprietari dell’immobili e agli atri titolari di un diritto reale di godimento (nudo proprietario, usufruttuario, titolare del diritto di uso, abitazione e superficie), il beneficio è esteso anche agli affittuari, ovvero a chi detiene l’immobile con un contratto di locazione, anche finanziaria, regolarmente registrato ovvero in comodato regolarmente registrato. 

Quali lavori sono ammessi al beneficio fiscale

L’agevolazione riguarda gli interventi effettuati sull’involucro esterno visibile dell’edificio. T

ra i lavori agevolabili rientrano quelli per il rinnovo e consolidamento della facciata esterna, inclusa la mera tinteggiatura o pulitura della superficie.

E ancora – con un elenco ad ampio spettro – lavori sulle grondaie, sui pluviali, sui parapetti, sui cornicioni e su tutte le parti impiantistiche coinvolte purché parte della facciata dell’edificio. (fonte Agenzia delle Entrate, Quotidiano.net)