La Borsa boccia Mediaset, i tre fattori che spaventano il mercato

Pubblicato il 11 Novembre 2010 16:11 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2010 16:11

Mediaset non se l’è passata bene in Borsa, all’indomani dei conti positivi dei nove mesi. Nella giornata di mercoledì10 novembre ha subito un crollo del 6,5 a Piazza Affari. Cosa è successo ai titoli del colosso che fa capo a Silvio Berlusconi?

Secondo quanto scrive Repubblica i fattori che spaventano il mercato sono tre: “Un aumento imprevisto dei costi di gestione nel 2010 (saliranno del 2%, il doppio del previsto), il calo dell’audience delle tre reti generaliste – lo share in prime time di Canale 5, Italia 1 e Rete 4 ha perso 2,5 punti consentendo il sorpasso alla Rai – e qualche segnale contradditorio anche sul fronte delle pay-tv”.

Eppure gli esperti sostengono che Mediaset se da un lato, per quanto riguarda i dati dei nove mesi, ha cambiato rotta in positivo dall’altro c’è ancora da fare. Comunque tutto secondo le previsioni: “La pubblicità sul mercato italiano è solamente in linea con le previsioni – fa notare un report di Barclays – mentre la maggior parte degli altri broadcaster aveva riportato una raccolta migliore del previsto nel terzo trimestre che aveva indotto un upgrade su fine anno. Inoltre il management ha aumentato la guidance sui costi”.