Borse Asia, rimbalzo a metà. E in Europa tutte in calo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Agosto 2015 8:38 | Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2015 10:30
Borse Asia, arriva il rimbalzo: ok Tokyo e Shanghai

Borse Asia, arriva il rimbalzo: ok Tokyo e Shanghai

ROMA – Si aspettava il rimbalzo, ma è arrivato soltanto a metà. Al terzo giorno non riesce l’inversione di rotta delle borse asiatiche. E in Europa si preannuncia una giornata negativa, con tutti i listini che aprono al ribasso. 

Dopo giornate di crolli e panico sui mercati di Tokyo, Hong Kong e Shanghai si è rivisto per diverse ore il segno più. Ma alla fine di una giornata nervosa a chiudere in territorio positivo è stata soltanto Tokyo mentre Shanghai ha continuato la discesa, anche se in misura minore.

Le notizie migliori vengono dalla Borsa  giapponese: positiva sin dall’apertura ha progressivamente aumentato i guadagni attestandosi sopra il 3% fino a chiudere con un confortante +3.2%.

Più incerto l’andamento di Shanghai: benissimo in avvio (+4%), male a metà seduta (-3%) e di nuovo in territorio positivo (+2%) nella fase finale delle contrattazioni. Alla chiusura, però, è rispuntato il segno meno: -1.7%

Complessivamente i mercati asiatici dopo giorni di panico non sembrano ancora aver invertito la tendenza. Resta l’incertezza nonostante l’intervento della Cina che ieri 25 agosto ha immesso liquidità sui mercati e tagliato i tassi. Una triplice strategia, spiega sul Sole 24 Ore Rita Fatiguso:

La mossa di tagliare insieme tassi e ratios, invece, ha ottenuto un effetto positivo. Le riserve cinesi in valuta estera, di conseguenza, scenderanno di circa 40 miliardi di dollari al mese per il resto di questo anno. La situazione è cambiata quando la Banca centrale ha annunciato che stava tagliando i tassi riferimento di 25 punti base al 4,6 per cento, il taglio di un anno i tassi di deposito di riferimento per lo stesso importo, e riducendo i ratios di 50 punti base al 18 per cento validi per la maggior parte delle grandi banche.