Bot e Btp, il momento di investire in quelli a breve termine

Pubblicato il 6 agosto 2012 9:10 | Ultimo aggiornamento: 6 agosto 2012 9:10

titoli di stato

ROMA – D’accordo, tutti gli esperti e gli analisti continuano a dire che gli investimenti a rischio zero non esistono e che il la regola d’oro è sempre avere un “portafoglio” di titoli diversificato. Eppure questo sembra proprio il momento, per chi avesse voglia e disponibilità, di investire su titoli di stato italiani a breve termine.

Il perché lo spiega sul Corriere della Sera Fabrizio Massaro riportando l’analisi di un addetto ai lavori, il vicedirettore di Banca Akros Giulio Verzelli:

Puntare sui titoli di Stato a breve può avere senso per chi non vuole correre rischi durante l’agosto e attendere le decisioni della Germania sul fondo salva Stati previste per il 12 settembre

Il tutto perché, è la posizione di Verzelli,  i titoli di stato italiani possono essere un buon compromesso tra tutela del patrimonio e redditività soprattutto per chi ha parte dei risparmi investiti in Bund tedeschi, solidissimi, ma che fino a cinque anni hanno di fatto un rendimento negativo. Per i bond italiani, invece, le cifre sono diverse. Le riporta il Corriere:

Il Bot a sei mesi sul mercato secondario rende ai valori attuali l’1,725%, quello a 9 mesi quasi il 2,2%, e quello a 1 anno il 2,63%: non male specialmente se confrontati con i tassi zero di emissioni di analoga durata di Francia e Germania.

In teoria, secondo Verzelli, il rischio è quello della volatilità. Ma è proprio su questo che è decisivo il fattore Mario Draghi perché l’acquisto di titoli a breve termine punta proprio a stemperarli. Insomma puntare su bot a 6-12 mesi può essere un affare. Con un’avvertenza: “Gli investimenti senza rischio non esistono più”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other