Btp Italia anti-Covid dal 18 maggio: prima volta a 5 anni, fino a scadenza bonus raddoppiato. Cedola minima 1,4%

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Maggio 2020 10:11 | Ultimo aggiornamento: 18 Maggio 2020 10:27
Btp Italia dal 18 maggio: prima volta a 5 anni, fino a scadenza bonus raddoppiato. Cedola minima 1,4%

Btp Italia, prima volta a 5 anni. Nella foto Ansa il ministro dell’Economia Gualtieri (Ansa)

ROMA – Debutto oggi, con partenza a razzo, il nuovo Btp Italia (dal 18 al 21 maggio), prima volta a 5 anni, con premio fedeltà raddoppiato visto che l’emissione è espressamente destinata alla copertura dei costi dell’emergenza da coronavirus.

Il titolo di Stato a scadenza 5 anni in poco più di un’ora e un quarto dall’avvio del collocamento ha già registrato una domanda che si avvicina ai 700 milioni dal retail.

Il titolo avrà per questa particolare emissione per la prima volta una scadenza a cinque anni ed un ‘premio fedeltà’ che raddoppia, passando quindi all’8 per mille per chi acquista il bond pubblico all’emissione e lo tiene fino alla scadenza, nel 2025 appunto.

Il Tesoro ha intanto fissato un tasso cedolare reale annuo minimo dell’1,4%.

Il collocamento del nuovo Btp Italia sarà dedicato interamente al pubblico dei risparmiatori retail dal 18 al 20 maggio, nelle prime tre giornate di piazzamento sul mercato.

E, fatti salvi la scadenza ed il premio, presenta le stesse caratteristiche dei precedenti: cedole indicizzate all’inflazione, più il pagamento del recupero dell’inflazione maturata nel semestre, rimborso unico a scadenza.

A differenze che nel collocamento dedicato agli investitori istituzionali, previsto per la giornata del 21 maggio, ai piccoli risparmiatori non sarà applicato alcun tetto massimo, soddisfacendo interamente gli ordini che perverranno presso gli intermediari.

Il tasso reale annuo definitivo sarà infine comunicato nella mattinata del 21 maggio.

Al sottoscrittore all’emissione, come in passato, non verranno applicate commissioni di collocamento mentre sul rendimento del titolo si continuerà ad applicare l’usuale tassazione agevolata sui titoli di Stato, pari al 12,5%.

“Gli italiani possono comprare titoli di Stato come e quando vogliono.

Abbiamo annunciato un’emissione di Btp Italia rivolto a investitori individuali e professionali che per la prima volta avrà una scadenza a 5 anni e un premio che sarà raddoppiato per chi lo tiene fino scadenza – aveva spiegato nei giorni scorsi il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri nelle comunicazioni sull’Ecofin di aprile davanti alla commissione Bilancio e Finanze del Senato –

Ci attendiamo una risposta molto positiva – è stato l’auspicio – ed è rivolto anche al retail”.

Sull’ipotesi di una soluzione alternativa da proporre al mercato, anche innovativa, durante l’estate il ministro ha invece messo in evidenza in una intervista che “il lavoro è in corso.

Si tratterà di uno strumento diverso dal Btp Italia, non indicizzato all’inflazione.

Che distinguendosi dai tradizionali titoli di Stato cercherà di proporre ai soli risparmiatori retail uno strumento interessante per la conservazione e remunerazione dei risparmi”.

Il titolo, oltre che in Banca o alla Posta, potrà essere sottoscritto anche direttamente online, attraverso il proprio home-banking se abilitato alla funzione di trading online senza quindi recarsi in filiale o negli uffici postali. (fonte Ansa)