Economia

Carige, Malacalza sottoscrive un aumento da 25 milioni e sale al 22,5%

Carige-Malacalza

Carige, Malacalza sottoscrive un aumento da 25 milioni e sale al 22,5%

MILANO – Vittorio Malacalza con la sua Malacalza Investimenti ha sottoscritto azioni inoptate dell’aumento di capitale di banca Carige per 25 milioni di euro. Altre azioni inoptate per un controvalore di 119,9 milioni di euro saranno allocate da Equita Sim agli altri investitori che si sono impegnati a sottoscrivere l’inoptato della ricapitalizzazione. Malacalza aveva la facoltà di rilevare l’inoptato fino a 69,5 milioni di euro.

Sottoscrivendo l’inoptato dell‘aumento di capitale di Banca Carige per 25 milioni di euro, Malcalza Investimenti ha aumentato la sua partecipazione nell’istituto genovese di una quota pari a circa il 5% del capitale. La partecipazione della holding della famiglia piacentina in Carige si dovrebbe attestare dunque attorno il 22,5% del capitale. Malacalza Investimenti aveva la facoltà di salire fino al 28%.

Malacalza Investimenti “continuerà dunque a sostenere la Banca nel suo ruolo di azionista al fine di valorizzare il proprio investimento e continuare a supportare il ruolo della Banca nel tessuto economico e sociale ligure”, comunica in una nota la holding della famiglia Malacalza, ricordando di aver usufruito solo “parzialmente” del diritto a salire nel capitale di Carige “contribuendo” in ogni caso “al successo dell’aumento di capitale”.

Nella nota Malacalza Investimenti afferma di detenere “una partecipazione in Banca Carige al di sopra del 20%, soglia per il superamento della quale aveva chiesto e ottenuto l’autorizzazione della Banca centrale europea”.

 

 

To Top