Cgia Mestre: “La manovra costerà 635 euro a famiglia”

Pubblicato il 5 Dicembre 2011 15:39 | Ultimo aggiornamento: 5 Dicembre 2011 15:46

MESTRE – Salvare l’Italia costerà alle famiglie italiane in media 635 euro. “Se teniamo conto anche delle manovre estive elaborate dal precedente Governo Berlusconi, l’importo complessivo che graverà sulle famiglie italiane, raggiungerà, nel quadriennio 2011-2014, i 6.400 euro”. Lo ha detto il segretario della Cgia di Mestre, Giuseppe Bortolussi, dopo aver stimato, assieme al suo Ufficio studi, gli effetti economici che la manovra Monti – e quelle d’estate stilate dal governo Berlusconi – avranno sui bilanci delle famiglie italiane.

Per quanto concerne la manovra “Salva-Italia”, sottolineano dalla Cgia, “l’importo è pari a 30 miliardi di euro lordi. Se a questa cifra si sottraggono i 10 miliardi che saranno destinati allo sviluppo e si rimuovono anche i 4 miliardi che andranno ad evitare il taglio delle agevolazioni nel 2012, l’effetto complessivo della manovra sulle famiglie sarà pari a 16 miliardi di euro”. Pertanto, questa entità inciderà mediamente su ciascuno dei 25 milioni di nuclei familiari italiani per un importo pari a 635 euro nel triennio 2012-2014.

Se a questa misura si aggiungono gli effetti delle manovre d’estate  dell’esecutivo guidato da Berlusconi, il carico complessivo sulle famiglie salirà a 6.402 euro. “Complessivamente – conclude Bortolussi – queste 3 manovre avranno un effetto complessivo nel quadriennio 2011-2014 pari a 161,1 miliardi di euro. Una vera e propria stangata che, probabilmente, riuscirà a far quadrare i conti ma rischia di mettere in ginocchio l’economia del Paese”.