Codacons, esposto alla banche per verifica dell’uso dei fondi dalla Bce

Pubblicato il 4 Marzo 2012 15:56 | Ultimo aggiornamento: 4 Marzo 2012 16:34

ROMA – Il Codacons ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Roma per capire come gli istituti di credito abbiano utilizzato i 500 miliardi di euro messi a disposizione dalla Bce e verificare l'eventuale sussistenza di ipotesi penalmente rilevanti come truffa aggravata e peculato.

L'intervento della Bce, che il 21 dicembre ha offerto agli istituti di credito del vecchio continente 489,19 miliardi di euro sottoforma di prestiti a termine, secondo il Codacons, ''non sembra aver portato benefici ai clienti delle banche: gli spread su mutui e prestiti non sono diminuiti, ne' si e' assistito ad una maggiore apertura sul fronte del credito. Cosi', mentre le casse degli istituti europei si sono riempite, la stretta sul credito per i consumatori non sembra essersi allentata''.

''Finora l'enorme mole di denaro prestata dall'Eurotower (40,4 miliardi sono andati agli istituti italiani) e' ritornata quasi tutta al mittente'', osserva il Codacons, aggiungendo che ''da piu' parti poi vi e' preoccupazione per il rischio che molti istituti di credito acquistino titoli di Stato con i soldi della Bce per sistemare i propri bilanci, invece che prestarli alle imprese e alle famiglie''.