Commercio, Istat: vendite ad agosto ferme allo 0,3%

Pubblicato il 22 Ottobre 2010 12:50 | Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre 2010 13:00

Le vendite al dettaglio ad agosto sono rimaste invariate rispetto a luglio mentre sono leggermente aumentate, +0,3% (dato grezzo) rispetto ad agosto 2009. Lo comunica l’Istat aggiungendo che sull’andamento delle vendite ha pesato il calo dei beni alimentari.

Per gli alimentari, l’Istat, infatti, ha registrato una discesa sia su base annua che mensile, con un -0,5% su luglio e un -0,8% su agosto 2009 (dato grezzo). Mentre i prodotti non alimentari hanno segnato un aumento delle vendite in termini congiunturali (+0,2%) che tendenziali (+0,9%, dato grezzo). Nei primi otto mesi dell’anno, rispetto al corrispondente periodo del 2009, si registra così una variazione nulla delle vendite totali (-0,5% alimentari, +0,2% non alimentari, dati grezzi). L’aumento annuo dello 0,3% deriva da una flessione delle vendite nella grande distribuzione (-0,3%) e da un aumento delle vendite nelle imprese operanti su piccole superfici (+0,8%).

Mentre di solito sono sempre i piccoli negozi a soffrire di più. Come riferimento alla grande distribuzione, ad agosto gli esercizi non specializzati hanno subito una flessione dello 0,7% del valore delle vendite e quelli specializzati hanno registrato un aumento dell’1,9%. Tra gli esercizi non specializzati a prevalenza alimentari il calo più marcato ha riguardato gli ipermercati (-1,9%). Guardando alla dimensione delle imprese, in termini tendenziali, il valore delle vendite è diminuito dello 0,4% nelle imprese fino a cinque addetti, mentre è aumentato dello 0,8% nelle imprese da sei a 49 addetti e dello 0,6% nelle imprese con almeno 50 addetti.

Analizzando più da vicino le vendite dei prodotti non alimentari, ad agosto 2010 quasi tutti i gruppi di prodotti hanno registrato variazioni tendenziali positive. In particolare, gli incrementi maggiori hanno riguardato Foto-ottica e pellicole (+5,9%) e Mobili, articoli tessili, arredamento (+3,1%). La variazione negativa più ampia è stata, invece, registrata per Elettrodomestici, radio, tv e registratori (-2,7%). Sempre ad agosto le imprese al dettaglio hanno dichiarato, in media, 25,9 giorni di apertura (+0,3% rispetto allo stesso mese del 2009).