Economia

Contanti, rispunta sanatoria per far riemergere il “nero”, la cosiddetta “salva-Corona”

Contanti, rispunta sanatoria per far riemergere il "nero", la cosiddetta "salva-Corona"

Contanti, rispunta sanatoria per far riemergere il “nero”, la cosiddetta “salva-Corona”

ROMA – Contanti, rispunta sanatoria per far riemergere il “nero”, la cosiddetta “salva-Corona”. Un nuovo intervento per spingere all’emersione dal nero dei contanti. Spunta anche una sorta di nuova ‘voluntary’ sul denaro cash tra le ipotesi allo studio per la prossima legge di Bilancio. Nel caso si decidesse di portare avanti questo intervento la misura, secondo quanto apprende l’ANSA, sarebbe inserita nel decreto collegato alla manovra, che dovrebbe contenere anche la ‘rottamazione bis’ delle cartelle. Tra le ipotesi allo studio quella di fare pagare un forfait sul contante che si fa emergere con il vincolo di investirne una quota in titoli di Stato.

L’obiettivo, visto che una sanatoria sui contanti frutto di attività illecite già c’è ma è considerata poco appetibile, è quello di recuperare 4 miliardi che mancano ancora all’appello sui 10 in più preventivati nella manovra. Un provvedimento già noto come “salva-Corona”, dal nome e dai guai dell’ex paparazzo che Belen Rodriguez chiamava “il signore delle buste”, alludendo alle grandi quantità di contante disponibile all’epoca delle sue redditizie ospitate nei locali di mezza Italia e finito dentro per aver occultato nel contro-soffitto di casa centinaia di migliaia di euro cash.

Troppo poco conveniente la norma, tant’è che già l’anno passato i tecnici avevano suggerito di ammorbidirla introducendo una flat tax del 35%, subito ribattezzata norma «salva-Corona» e quindi rapidamente accantonata sull’onda delle polemiche. Vedremo ora se l’eventuale nuova formulazione, che oltre al pagamento di un forfait dovrebbe prevedere l’obbligo di investirne una quota in titoli di Stato, vedrà o meno la luce. (Paolo Baroni, La Stampa)

To Top