Economia

Conti correnti sotto la lente del fisco da venerdì 31 gennaio

Conti correnti sotto la lente del fisco da venerdì 31 gennaio

Conti correnti sotto la lente del fisco da venerdì 31 gennaio

ROMA – Conti correnti degli italiani sotto la lente del fisco dal 31 gennaio. E’ ormai solo questione di giorni. Da venerdì le banche e comunicheranno all’Agenzia delle Entrate tutte le operazioni rilevanti. Stessa cosa faranno gli intermediari finanziari sui rapporti con i clienti del 2011. Al fisco dovranno arrivare anche i dati dello “spesometro”, cioè tutte le transazioni di oltre 3.600 euro fatte nel 2012 con bancomat o carta di credito.

I dati non verranno scelti a caso: il fisco ha compilato delle “liste selettive” di contribuenti da sottoporre agli accertamenti perché fanno spesso spese elevate non giustificabili dal reddito dichiarato.

Banche e finanziarie, attraverso una ventina di funzionari, dovranno comunicare gli estremi dei conti bancari e dei rapporti: il saldo di inizio e fine anno, il totale dei bonifici in entrata e uscita, le operazioni con carta di credito, le informazioni sui dossier titoli, le operazioni di investimento, il numero di accessi alle cassette di sicurezza. 

Una volta avuti tutti questi dati il fisco potrà confrontarli con le dichiarazioni dei redditi, alla ricerca di discrepanze che segnalino effettivamente casi di evasione fiscale. Se ci sarà questo sospetto il contribuente dovrà giustificare le spese e i movimenti. I dati, in ogni caso, serviranno per confermare i sospetti e far avviare un accertamento, ma non saranno sufficienti a far scattare un’indagine.

 

To Top