Nuovo contratto. Medici, la firma sull’aumento da 200 euro lordi al mese. Per i bancari + 190 euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Dicembre 2019 10:47 | Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre 2019 10:47
Nuovo contratto. Medici, la firma sull'aumento da 200 euro lordi al mese. Per i bancari + 190 euro

Medici e bancari, il nuovo contratto (Ansa)

ROMA – I sindacati dei medici hanno sottoscritto il nuovo contratto per il prossimo triennio, un accordo che prevede 200 euro lordi in più al mese più uja serie di interventi favorevoli sul welfare e le prestazioni professionali. Anche i bancari hanno raggiunto l’intesa con il governo: firmeranno per un aumento di 190 euro lordi al mese.

Medici, 200 lordi in più al mese

I sindacati dei medici, veterinari e dirigenti sanitari del Servizio sanitario nazionale (Ssn) hanno firmato, senza eccezioni, il Contratto della dirigenza medica e sanitaria 2016-2018. Confermato l’aumento pari a 200 euro lordi al mese, da gennaio 2020, per i 130mila professionisti del Ssn. La firma è avvenuta all’Aran.

È “un contratto di ripartenza, che finalmente chiude una fase buia lunga 10 anni che ha determinato ripercussioni negative sulle condizioni di lavoro dei medici”, afferma il segretario dell’Anaao-Assomed Carlo Palermo. Ora, sottolinea Palermo, “possiamo guardare in avanti, al contratto 2019-2021 e auspichiamo di aprire le trattative del triennio in tempi rapidi”.

Bancari, 190 euro in più al mese

Accordo tra l’Abi e i sindacati per il rinnovo del contratto nazionale dei bancari, che interessa 282 mila lavoratori. L’intesa sull’ipotesi di accordo, si legge in una nota della Fabi, prevede un aumento di 190 euro e una stretta sulle pressioni commerciali. Per il segretario della Fabi, Lando Sileoni, è stato “ottenuto un importante riconoscimento economico” mentre “sulla vendita dei prodotti finanziari è la svolta: avremo un controllo diretto e obblighiamo i banchieri a condividere le politiche di vendita”.

L’intesa è stata raggiunta dopo un anno di negoziato, con il vecchio contratto che era scaduto a dicembre del 2018. Il rinnovo interessa 282.000 lavoratori delle banche aderenti all’Abi mentre i 37.000 bancari dipendenti delle Bcc sono sottoposti a un altro contratto). L’accordo, nei prossimi mesi, sarà sottoposto al vaglio delle assemblee dei lavoratori. (fonte Ansa)