Coronavirus, per gli agriturismi in Toscana persi 25 milioni di euro

di redazione Blitz
Pubblicato il 13 Aprile 2020 11:35 | Ultimo aggiornamento: 13 Aprile 2020 11:35
Coronavirus, per gli agriturismi in Toscana persi 25 milioni di euro

Coronavirus, per gli agriturismi in Toscana persi 25 milioni di euro (Foto archivio Ansa)

FIRENZE  –  Venticinque milioni di euro: questa è la cifra persa dagli agriturismi toscani dopo gli annullamenti delle prenotazioni dovuti all’emergenza coronavirus. A denunciarlo è Agriturist – Confagricoltura Toscana.

La stima dei danni già sofferti dalle strutture agrituristiche della regione parla di una media di 8-9 mila euro andati in fumo per ciascuna azienda agricola che vede nella ricettività una importante integrazione di reddito.

Alle perdite dovute ai pernottamenti cancellati, si somma il mancato introito per tutte le attività collaterali che restano bloccate: degustazioni, pasti, matrimoni, cooking class, visite, attività nelle fattorie didattiche.

Il colpo per la Toscana è particolarmente forte: è la regione con il più alto numero di agriturismi, con 4.600 aziende e circa 64mila posti letto.

La Toscana conta una media di quasi 900mila arrivi all’anno, pari a 4 milioni di presenze, oltre il 31% del totale delle presenze in regione. Del fatturato nazionale pari a 550 milioni l’anno, 140 vengono generati negli agriturismi toscani.

Le perdite subite ad oggi ammontano già al 40% e il timore è che aumenteranno ulteriormente nei prossimi mesi: secondo Agriturist Confagricoltura Toscana, le misure di sostegno al reddito e i rinvii previsti dagli attuali provvedimenti del Governo sono del tutto insufficienti per fronteggiare la situazione.

Persa la primavera, con le prenotazioni per la Pasqua e i ponti già cancellate, per gli agriturismi toscani inizia a traballare anche la stagione estiva: ad oggi le strutture toscane hanno registrato l’annullamento di tutte le prenotazioni già fino alla fine del mese di maggio e il timore è che nei prossimi giorni si dovrà cominciare a cancellare anche le poche presenti per il mese di giugno. (Fonte: Agi)