Coronavirus, giornata nera delle Borse mondiali: Piazza Affari (-16,9%), disastro a Wall Street (-10%)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Marzo 2020 22:44 | Ultimo aggiornamento: 12 Marzo 2020 22:44
Coronavirus, giornata nera delle Borse mondiali: Piazza Affari (-16,9%), disastro a Wall Street (-10%)

Coronavirus, giornata nera delle Borse mondiali: Piazza Affari (-16,9%), disastro a Wall Street (-10%) (foto ANSA)

NEW YORK – Meno dieci per cento. Per la precisione, il Dow Jones ha chiuso con un calo del 9,99% ed è il tonfo peggiore dal 1987 quando l’indice fece -22%.

Ancora oggi non si conosce bene la causa di quella caduta: nei 10 anni precedenti il corso della Borsa Usa aveva sommato un +180% ma non si trattò dello scoppio di una bolla speculativa. Il crollo seguì la colossale caduta di Hong Kong, che il giorno precedente aveva perso la metà del valore di Borsa: ​alcuni programmi di “stop loss”, che chiudono la transazione automaticamente al raggiungimento di un valore minimo prefissato, avrebbero contemporaneamente amplificato le vendite sul mercato asiatico, inducendo a fare altrettanto anche tra gli operatori di Wall Street.

Quella di oggi è tutta un’altra storia: si viene da una serie di cali, innescati sia dal coronavirus sia dalle blande reazioni di governi e autorità monetarie. La Fed è stata esitante, ma ha tagliato i tassi.

Il colpo di grazia è arrivato oggi dalla Bce che ha deciso di non tagliare i tassi. Non solo. Nella conferenza stampa successiva al direttivo, la presidente Christine Lagarde ha usato frasi che hanno innescato il panico. “Non siamo qui per ridurre gli spread”, ​”avevo detto che speravo di non dover mai fare un ‘whatever it takes”, “non intendo passare alla storia per un ‘whatever it takes due'”.

A mercati aperti, Lagarde ha così innescato lo tsunami. Da vedere se, come sostiene la presidente della Bce, questo sia uno “choc temporaneo” o se l’orso continuerà ancora a pascolare sui mercati. (fonte AGI)