Economia

Crisi, crollano le vendite di tutto: abiti, tv, alimenti. Mai così male dal 1990

Crisi, crollano le vendite di tutto: abiti, tv, alimenti. Mai così male dal 1990

Crisi, crollano le vendite di tutto: abiti, tv, alimenti. Mai così male dal 1990

ROMA – Crisi e commercio, crollano le vendite al dettaglio, anche gli alimentari: non è andata mai così male da 24 anni. Resistono solo i discount. L’Istat ritrae le vendite, anzi, le non-vendite nell’Italia del 2013. 

L’anno scorso le vendite al dettaglio sono calate del 2,1% rispetto all’anno precedente: si tratta del calo annuo più forte dall’inizio delle serie storiche comparabili, cioè almeno dal 1990. E stavolta a scendere sono anche gli alimentari (-1,1%). Per il resto dei prodotti va ancora peggio (-2,7%), ma questa non è una novità. Infatti anche nel 2012 il non alimentare aveva fatto registrare la stessa caduta. 

Persino i farmaci segnano una riduzione (-2,4%). Ribassi superiori alla media si registrano per abbigliamento (-2,7%) calzature (-3,0%), elettrodomestici-radio-tv (-3,1%) e mobili (-3,2%).

Gli unici a guadagnare nell’anno ‘nero’ del commercio al dettaglio sono i discount alimentari, che nel 2013 registrano un aumento dell’1,6% nel valore delle vendite , mentre gli ipermercati perdono l’1,9% e i supermercati l’1,3%. Colpiti ancor di più sono però gli alimentari, che hanno registrato un crollo delle vendite del 2,9%.

 

 

 

 

To Top