La crisi si mangia l’esodo di agosto: partenze: -29,5%, incassi -22%

Pubblicato il 4 agosto 2012 10:44 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2012 10:47

ROMA – Code sulle autostrade? Autogrill stracolmi? Spiagge piene come formicai? Scordatevele. Questo mese, ogni 100 ombrelloni, ce ne saranno 21 che rispetto ad agosto 2011 resteranno chiusi causa assenza di materia prima, il turista che l’ombrellone dovrebbe noleggiarlo. Ad Agosto, infatti, le partenze degli italiani crollaoel 29,5% rispetto allo stesso mese del 2011. In questo periodo partiranno 15,4 milioni di nostri connazionali, contro i 21,9 dell’anno scorso. Lo rende noto Federalberghi, che evidenzia anche un calo nel giro d’affari complessivo dell’estate del 22%.

La debacle turistica di agosto è però il riflesso di un’estate tutta col segno meno, avverte Federalberghi: a giugno le partenze hanno fatto segnare una contrazione del 21,5% (da 8,4 milioni del 2011 a 6,6 milioni), allo stesso modo di luglio (-13%, a 10,9 milioni) e di settembre (-27,7%, a 3,6 milioni). ”A memoria statistica – spiega il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca – non si era mai visto un calo così generalizzato e devastante di uno dei settori che potrebbe, se opportunamente supportato, rappresentare il primo volano per la ripresa economica del Paese”.

”I numeri ci dicono – rileva Bocca – che quasi 6 italiani su 10 rimarranno a casa durante i mesi estivi e quelli che si muoveranno saranno circa 27 milioni tra maggiorenni e minorenni (rispetto ai 33,2 milioni del 2011), pari al 44,7% della popolazione (rispetto al 55% del 2011)”. Secondo l’organizzazione turistica quest’anno il numero di coloro che non faranno una vacanza per motivi economici sale al 51,6%, rispetto al 42,8% del 2011, portando ben 3 italiani su 10 a dichiarare la propria ‘poverta’ turistica’. Alla luce di ciò Bocca chiede al governo e al Parlamento di avviare lo stato di crisi del settore, ”unico strumento tecnico-giuridico per mettere in moto, auspichiamo, quella scossa indispensabile per definire mezzi e misure dei quali il turismo non puo’ piu’ fare a meno”. Secondo lo studio sarà la Calabria la regina turistica dell’estate 2012, col 13% di domanda nazionale (era del 9,7% nel 2011), spalmandosi tra alberghi, altri esercizi ricettivi e seconde case. La spesa media stimata per le vacanze (viaggio, vitto, alloggio e divertimenti) sara’ di 741 euro (contro i 776 del 2011). La maggioranza degli italiani (68%) scegliera’ il mare, il 15,6% la montagna e il 4,2% le localita’ termali e del benessere.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other