Crisi, italiani poveri raddoppiati dal 2007. I dati Coldiretti

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 settembre 2013 20:47 | Ultimo aggiornamento: 22 settembre 2013 20:47

Crisi, italiani poveri raddoppiati dal 2007. I dati ColdirettiROMA – Dal 2007 ad oggi gli italiani poveri “assoluti” sono raddoppiati, raggiungendo la cifra di 4,8 milioni, cioè l’8% della popolazione. E’ la fotografia scattata dalla Coldiretti, che ha analizzato gli ultimi 5 anni sulla base dei dati Istat.

Dall’inizio della crisi, spiega l’associazione, gli italiani che si trovano in una condizione di povertà assoluta sono praticamente raddoppiati (+99%) ed oggi sono 4,81 milioni quelli che non hanno una disponibilità economica sufficiente neanche ad acquistare beni e servizi essenziali per vivere.

La situazione si è aggravata di più nel nord Italia dove l’aumento dal 2007 è stato addirittura del 105% rispetto al Mezzogiorno (+90%), anche se il peggioramento più marcato è stato registrato nel centro Italia (+112%). In valori assoluti, precisa la Coldiretti, si contano 2,35 milioni di cittadini in grave difficoltà nel Mezzogiorno, 1,78 milioni nel Nord, e 684 mila nel centro Italia.

Ad essere entrati in una condizione di povertà assoluta negli ultimi cinque anni di crisi sono stati 3,4 milioni di persone ed oggi sul territorio nazionale l’8% della popolazione si trova in questa situazione. E con la crisi sono cambiate anche le abitudini alimentari degli italiani: nel 2012, evidenzia la Coldiretti ricordando i dati del Rapporto annuale dell’Istat, i consumi delle famiglie italiane per alimentari e bevande a valori concatenati sono stati pari a 117 miliardi, di mezzo miliardo inferiori a quelli del 1992.

La crisi ha infatti fatto retrocedere il valore della spesa alimentare, che era sempre stato tendenzialmente in crescita dal dopoguerra, fino a raggiungere l’importo massimo di 129,5 miliardi nel 2007, per poi crollare oggi al minimo da vent’anni.