Crisi, Larry Fink: “L’euro calerà a 1,20 dollari”

Pubblicato il 27 Novembre 2010 8:21 | Ultimo aggiornamento: 27 Novembre 2010 9:27

L’euro calerà in modo forte e scenderà a 1,20 dollari, una flessione di quasi il 10%, con la crisi del debito europea che dopo la Grecia ha colpito l’Irlanda e rischia di ampliarsi. A prevederlo e’, in un’intervista al Financial Times, Larry Fink, il fondatore di BlackRock, la maggiore societa’ di risparmio gestito al mondo.

”Il problema fondamentale è che la maggior parte del debito sovrano europeo fa capo al sistema bancario” osserva Fink, sottolineando come le debolezze europee sono accentuate dalla dipendenza dell’Europa da finanziamenti a breve termine, i cui tassi di interesse tendono a essere inferiori.

Fink si dichiara invece ottimista sulle prospettive economiche americane, con gli Usa che sembrano sulla via della guarigione: in un recente viaggio in Europa – spiega al Financial Times – un costruttore automobilistico del Vecchio Continente ha espresso la volonta’ di ampliare la produzione negli Stati Uniti, e questo significa che gli Usa sono tornati a piacere.