Crisi, Usa/ Ad aprile persi 539 mila posti di lavoro: meno del previsto, più vicina fine recessione

Pubblicato il 8 maggio 2009 16:15 | Ultimo aggiornamento: 8 maggio 2009 16:15

L’economia statunitense ha perso 539 mila posti di lavoro in aprile, meno dei previsti 600 mila, segno che la crescita della disoccupazione sta leggermente rallentando, a quanto scrive il New York Times citando i dati del Bureau of Labor Statistics. A marzo il calo era stato di 699 mila unità.

Il tasso di disoccupazione (calcolato su una diversa base statistica) sale, come previsto, all’8,9%, il massimo dal settembre 1983, contro l’8,5% di marzo.

I dati – scrive però il Times – indicano che l’economia sta tuttora perdendo centinaia di migliaia di posti di lavoro, ma a un ritmo più lento che in precedenza, «segno che la recessione sta toccando il fondo».

«È la conferma che siamo agli inizi di una inversione di tendenza», ha dichiarato Ethan Harris, co-presidente delle ricerche economiche negli Stati Uniti di Barclays Capital.