Crollano import ed export: il 2009 l’anno peggiore dal 1970

Pubblicato il 15 Febbraio 2010 11:11 | Ultimo aggiornamento: 15 Febbraio 2010 11:34

Nel 2009, le esportazioni italiane sono crollate del 20,7% e le importazioni del 22%, rispetto al 2008. Lo comunica l’Istat, aggiungendo che si tratta dei peggiori dati sui flussi commerciali dal 1970, ovvero da quando esistono le serie storiche.

Nel 2009 le esportazioni italiane verso i Paesi dell’area Ue sono crollate del 22,5% e le importazioni del 17,8%, rispetto al 2008 sottolinea ancora l’Istat aggiungendo che si tratta dei peggiori dati dal 1993, ovvero da quando esistono le relative serie storiche. Nello stesso periodo il saldo è stato negativo per 1.791 milioni di euro, in forte peggioramento rispetto all’attivo di 9.942 milioni di euro registrato nel 2008.

Nel periodo il saldo commerciale italiano è stato negativo per 4,109 miliardi di euro, con una netta riduzione del passivo di 11,478 miliardi rilevato nel 2008. Per quanto riguarda l’interscambio commerciale complessivo del mese di dicembre 2009, le esportazioni sono diminuite, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dell’1,9% e le importazioni del 3%. Il saldo commerciale è risultato negativo per 123 milioni di euro, inferiore a quello, pari a 415 milioni di euro, dello stesso mese del 2008. Nel confronto con novembre, i dati destagionalizzati relativi all’interscambio complessivo presentano, a dicembre 2009, un incremento sia per le esportazioni sia per le importazioni, con tassi di crescita pari rispettivamente al 4,4 per cento ed all’1,6 per cento. Negli ultimi tre mesi, rispetto ai tre mesi precedenti, i dati destagionalizzati mostrano una flessione dello 0,2 per cento per le esportazioni e una crescita del 2,4 per cento per le importazioni.