Auto, meno 20%. Rischia Fiat Italia. Marchionne: “Mai visti numeri così bassi”

Pubblicato il 3 settembre 2012 20:26 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2012 20:36
Sergio Marchionne

Sergio Marchionne (Lapresse)

ROMA – Agosto mese nero delle auto, forte calo delle vendite in Italia, anche se  i marchi del gruppo Fiat hanno mantenuto una quota del 29,6%, stabile rispetto ad un anno fa. Il lingotto certifica quanto già anticipato dall’associazione dei concessionari che ha stimato in agosto un calo superiore al 20 %. A rischiare è soprattutto Fiat Italia, che segue il trend del mercato cedendo il 21%:  sono solo 17 mila le vetture immatricolate, 4 mila su base annua. Da gennaio ad agosto il totale è di 290 mila macchine (-20,2%).  Sergio Marchionne, consapevole del momento difficilissimo, prima dell’uscita dei risultati ha certificato: “L’andamento del mercato è totalmente in linea con le previsioni. È stato un mese non bello, non ho mai visto un numero così basso in vita mia”.

L’andamento in Italia, ha aggiunto l’ad della Fiat, è “esattamente in direzione opposta rispetto al Brasile e al Nord America che ovviamente sono andati alla grande”. Nessuna notizia sull’ incontro con il ministro del Lavoro, Elsa Fornero. A preannunciare il colloquio era stata a inizio estate proprio il ministro Fornero. ”Allo stato – aveva aggiunto Fornero – non ci sono motivi per pensare che la Fiat non mantenga i suoi impegni di investimento”. Interrogato dai giornalisti sull’eventualità di un incontro autunnale, Marchionne ha risposto “eventualmente sì”.

Guardando a Est, Marchionne intravede buone prospettive per la 500L prodotta in Serbia. ”Sta uscendo bene e questo è importante”, dice annunciando che domani incontrerà, a Kragujevac, il neoeletto presidente serbo, Tomislav Nikolic.

Il gruppo Fiat, che nei primi otto mesi del 2012 ha immatricolato oltre 290 mila vetture, evidenzia che la quota (al 29,6%) si è mantenuta sostanzialmente stabile rispetto ad un anno fa anche nel progressivo annuo. Il marchio Fiat, invece, che ha immatricolato ad agosto oltre 12 mila vetture, ottiene una quota del 21,55%, in aumento dello 0,7% rispetto a un anno fa. Nel progressivo annuo le vendite sono più di 204 mila e la quota del 20,8%, la stessa dei primi otto mesi del 2011. I modelli Fiat sono sempre i più venduti.

Al ‘top’ della classifica si conferma la Panda con 5 mila immatricolazioni e una quota nel segmento A del 45,4%. Alle sue spalle la Punto, con oltre 2.600 vetture e una quota nel segmento B del 15,7%. La 500, invece, con circa 1.700 immatricolazioni ha una quota del 15,4% nel segmento A. ”Complessivamente – sottolinea la nota del Lingotto – Panda e 500 nel loro segmento detengono insieme una quota del 60,8%. E la 500L, presentata a luglio, permettera’ alla famiglia 500 di aumentare l’offerta nelle vetture multi-purpose”. Bene anche la Freemont, prima nel suo segmento con il 36,8% di quota. Il brand Lancia ha immatricolato in agosto oltre 2.600 vetture per una quota del 4,6%. Nell’anno le Lancia registrate sono oltre 51 mila per una quota del 5,2%, ovvero 0,4 punti percentuali in piu’ rispetto ai primi otto mesi del 2011. Lancia Ypsilon si conferma la vettura di punta del brand, sesta nella top ten assoluta delle vendite con una quota del 9,4% nel segmento B. Con 1.600 immatricolazioni, Alfa Romeo ottiene in agosto una quota del 2,9%, la stessa di un anno fa. Nel progressivo annuo il brand registra oltre 30.400 auto per una quota del 3,1%. La Giulietta e’ ancora una volta tra le dieci vetture piu’ vendute del mese e nelle posizioni di vertice del segmento C con il 14,7% di quota.

Il marchio Jeep immatricola in agosto quasi 300 vetture per una quota stabile allo 0,5%. Nei primi otto mesi dell’anno il brand registra piu’ di 4.600 auto e la quota e’ dello 0,5%, in crescita di quasi 0,1 punti percentuali. Modello di punta del brand e’ il Grand Cherokee che si conferma tra le vetture piu’ vendute del suo segmento, con una quota del 15,5%.