Dalla lira all’euro: quello che è aumentato di più

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 gennaio 2017 11:13 | Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2017 11:13
Dalla lira all'euro: quello che è aumentato di più

Dalla lira all’euro: quello che è aumentato di più

ROMA – Dalla lira all’euro: quello che è aumentato di più. Quindici anni fa, da quando cioè fu introdotta la circolazione esclusiva dell’euro, un pedaggio autostradale nella tratta Milano-Roma lo pagavamo 26,1 euro: alle rivalutazioni attuali (calcolando cioè il livello di inflazione trascorso) sarebbero 33 euro, al casello però dobbiamo tirar fuori 41,3 euro, un rincaro cioè del 24%.

Se fossimo andati al cinema 15 anni fa, tuttavia, il prezzo del biglietto fissato allora a 7,2 euro sarebbe oggi rivalutato a 9,2 euro attuali ma al botteghino in realtà di euro ne sborsiamo oggi 8,5: significa che stiamo risparmiando quasi l’8%.

Sono diminuite le multe (-2%) e il canone Rai (-23%), ma una tazzina di caffè costa in media il 16,7% in più, un litro di benzina del 17%, il biglietto del treno Roma-Milano di II classe del 50%, un kg di pasta del 27,8%.

Grazie all’elaborazione dei coefficienti elaborati da Istat su base annua, possiamo constatare in dettaglio quali prezzi e servizi al consumo si sono rivalutati più dell’inflazione, quali non sono riusciti a tenere il passo. Per esempio, essendo entrati in territorio deflattivo negli ultimi anni, i pensionati possono capire perché le loro pensioni non si rivalutano (al netto degli stop governativi), così come i contratti di locazione e gli assegni di mantenimento al coniuge.

 

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other