Debiti delle amministrazioni pubbliche all’8%: mai così male dal 2009

Pubblicato il 4 Luglio 2012 10:10 | Ultimo aggiornamento: 4 Luglio 2012 10:22

ROMA – Il dato peggiore dal 2009: è quello dell’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche, che nel primo trimestre del 2012 è stato dell’8% del Pil, in crescita rispetto al 7% del corrispondente trimestre dell’anno precedente. Nel 2009, sempre nel primo trimestre, L’indebitamento pubblico netto era del 9,5%.

Secondo quanto comunica l’Istat il deficit all’8% nel primo trimestre del 2012 e complessivamente i risultati sui conti pubblici ”hanno risentito, da un lato, dell’aumento della spesa per interessi dovuto alla salita nel corso del 2011 dei rendimenti sui titoli di Stato e, dall’altro, del calo delle entrate causato dall’andamento negativo dell’economia”.

Sempre nel primo trimestre del 2012 schizza la spesa per gli interessi passivi: +16%. Sul lato delle entrate, invece, la voce che registra la maggiore caduta sono le imposte in conto capitale: -87,6%. Nel primo caso il dato è legato all’aumento dei rendimenti dei Titoli di Stato. Sul forte calo delle imposte in conto capitale pesa invece il venir meno di versamenti una tantum che si erano verificati nel primo trimestre 2011 (un’imposta sostitutiva delle imposte ipotecarie e catastali).