Della Valle ai figli: “Non state a casa, qualche scemo (leggi Elkann) vi sgrida”

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 febbraio 2014 20:41 | Ultimo aggiornamento: 20 febbraio 2014 20:43
Della Valle ai figli: "Non state a casa, qualche scemo (leggi Elkann) vi sgrida"

John Elkann, Diego Della Valle

ROMA – “Non state a casa a poltrire, altrimenti c’è qualche scemo che poi vi sgrida”, così Diego Della Valle si è rivolto scherzosamente ai figli a margine del Premio Leonardo che ha ricevuto al Quirinale.

Lo “scemo” sarebbe il presidente della Fiat John Elkann che in un incontro con gli studenti a Sondrio aveva detto che i giovani italiani “non hanno un lavoro perché stanno bene a casa“.

Mister Tod’s, che già nei giorni scorsi gli aveva dato dell‘imbecille, non rinuncia alla battuta per tornare sulla polemica. E aggiunge:

”Ho portato i ragazzi a vedere Roma, l’abbiamo girata in lungo e largo. Così poi non vanno all’estero”.

Ultimo screzio di una guerra che va avanti ormai da molto tempo. Nelle scorse settimane la lite si era concentrata su Rcs.

“Non posso pensare che Della Valle abbia preoccupazioni su Rcs, penso che la Tod’s lo preoccupi – aveva detto Elkann dopo le minacce di Della Valle di azioni legali sul gruppo del Corriere della Sera – La Tod’s va male, è giù del 20 da inizio anno. Rispetto ai suoi concorrenti Prada, Armani, Lvmh e Kering è un nano. Un’azienda di dimensioni piccole e non sta andando bene”.

Immediata la replica del numero uno della Tod’s con l’accusa nei confronti della Fiat di di essere scappata dall’Italia, perché “chi si comporta così non merita nessun rispetto” e un invito sarcastico a visitare la propria azienda.

“Potrebbe anche rimanere per uno stage – ha detto – visto che ha molto tempo libero, così potrà imparare cosa vuol dire lavorare per davvero”.