Economia

Detrazioni Irpef, in arrivo il taglio retroattivo: – 34 euro a testa in media

Detrazioni Irpef, in arrivo il taglio retroattivo: - 34 euro a testa in media

Detrazioni Irpef, in arrivo il taglio retroattivo: – 34 euro a testa in media

ROMA – Detrazioni Irpef, in arrivo il taglio retroattivo: – 34 euro a testa in media. Poche le speranze per le famiglie di evitare il taglio delle detrazioni Irpef già previsto dalla Legge di Stabilità. Il 31 gennaio scade il termine per approvare un decreto che mantenga le attuali percentuali: nella prossima dichiarazione dei redditi a primavera sarà detraibile il 18% (contro l’attuale 19%) delle spese sanitarie, degli interessi sul mutuo della prima casa, delle polizze vita e infortuni e di tutte le spese ammesse alla detrazione (istruzione, veterinarie, funebri). La riduzione del beneficio avrà effetto già sull’anno 2013, dunque avrà valore retroattivo (contraddicendo ancora una volta lo Statuto del contribuente che vieta la retroattività delle disposizioni in materia fiscale).

L’anno successivo poi la detrazione scenderà di un altro punto, al 17%. A regime, la perdita media sarà di 34 euro a contribuente. Lo Stato potrà beneficiare di maggiori entrate per 488 milioni di euro quest’anno, che diventeranno 772,8 milioni nel 2015 e poi 564,7 milioni nel 2016. Manca l’ufficialità del taglio ma basta guardare l’agenda statale per capire che è praticamente impossibile scongiurarlo: ci sarebbe tempo fino a fine gennaio, stessa data in cui devono essere pubblicati i modelli e le istruzioni per la prossima dichiarazione dei redditi: più facile dunque modificare una semplice percentuale che rimettere in discussione il 730.

To Top