Germania, Deutsche Bank “mette le mani” su Postbank: varato un maxi aumento di capitale

Pubblicato il 14 Settembre 2010 12:57 | Ultimo aggiornamento: 14 Settembre 2010 12:57

La prima banca tedesca, Deutsche Bank, ha ufficializzato che varerà un maxi aumento di capitale di oltre 9,8 miliardi. L’aumento servirà a prendere il controllo della banca privata Postbank e a rafforzare l’istituto tedesco in vista delle nuove norme finanziarie che stanno per essere approvate a Basilea.

”Con questo aumento di capitale vogliamo garantirci il capitale di rischio necessario per l’acquisizione di Postbank”, ha spiegato il numero uno della banca, Josef Ackermann. Deutsche Bank possiede attualmente il 29,9% di Postbank e la possibilita’ di salire nella maggioranza entro il febbraio 2012. La banca tedesca ha proposto un’offerta di 24-25 euro per azione.

L’operazione, già scontata dai mercati anche se non erano noti tutti i dettagli, prevede dunque che Deutsche Bank offra tra i 24 e i 25 euro per azione per rilevare la quota rimanente (il 70%) in Postbank, la più grande banca tedesca per la raccolta al dettaglio.

Per finanziare l’acquisizione, Deutsche Bank emetterà un totale di 308,6 milioni di azioni ordinarie ad un prezzo di sottoscrizione pari a circa 31,8 euro per azione. Deutsche Bank venerdì scorso ha terminato la seduta a quota 47,70 euro dopo un tonfo di circa il 5% successivo alla notizia trapelata dell’aumento di capitale confermato oggi. Postbank ha terminato invece in rialzo del 4,8% a 27,03 euro per azione.

Gli azionisti di Deutsche Bank potranno acquistare una nuova azione per ogni due attualmente detenute. Il diritto di opzione avrà inizio il 22 settembre. L’istituto tedesco ha annunciato anche il riacquisto di azioni proprie (fino a 3,1 milioni di azioni) tra il 13 e il 16 settembre.

Per Deutsche Bank si tratta del più grande aumento di capitale mai realizzato. Nel settembre 2008 l’istituto aveva già annunciato l’intenzione di acquistare una partecipazione di circa il 30 per cento in Postbank per avere accesso ad un mercato di 14 milioni di clienti.