Aumenta la disoccupazione Usa, e si trascina dietro le Borse europee

Pubblicato il 19 agosto 2010 17:33 | Ultimo aggiornamento: 19 agosto 2010 18:43

La sede della Borsa Usa a Wall Street

L’economia americana va peggio del previsto, e trascina con sé le Borse. I sussidi di disoccupazione sono cresciuti più del previsto: aumentati di 12mila unità, ora hanno toccato quota 500mila, il livello più alto degli ultimi nove mesi. Le stime, invece, parlavano di un calo a 476mila unità.

Oltre al crollo dell’occupazione, brutte notizie sono arrrivate anche dal superindice economico di luglio e dall’indice Filadelfia Fed, l’indice della Federal Reserve Bank di Filadelfia: entrambi sono sotto le attese. La Fiuladelfia Fed, che misura le condizione dell’imprenditoria negli Stati Uniti, ad agosto ha registrato un calo del 7,7 per cento, contro il 5,1 di luglio.

Questi dati non hanno lasciato indifferente Wall Street, che ha incrementato le perdite, contagiando anche le altre Borse europee, che vedono crollare i propri indici anche di due punti percentuali.

L’indice Dow Jones cede lo 0,6 per cento, il Nasdaq lo 0,5 e lo Standard & Poor’s lo 0,7to. Arretrano anche i listini europei, che a metà mattinata avevano girato in terreno positivo grazie al rialzo delle previsioni del Pil tedesco da parte della Bundesbank, che ha rivisto la velocità di espansione dell’economia tedesca nel 2010 al 3 per cento dal precedente 1,8.

Hanno chiuso invece in rialzo la Borsa di Tokyo, con un più 1,3 per cento, e quelle di Shanghai e Hong Kong, entrambe intorno all’1 per cento.