Draghi: “Evitare le banche zombie in Europa”

Pubblicato il 1 Ottobre 2010 18:19 | Ultimo aggiornamento: 1 Ottobre 2010 18:23

Mario Draghi

Il governatore della Banca d’Italia, Mario Draghi invita le autorità  nazionali europee a risolvere il problema della ”eccessiva dipendenza di alcune banche dalle iniezioni di liquidità” pubbliche pena il diffondersi di ”istituti di credito zombie in Europa”.

Secondo il governatore, che è intervenuto alla conferenza ‘Il futuro della politica monetaria’,  il basso livello dei tassi di interesse ”ha fatto sottostimare il deterioramento della qualità dei crediti in portafoglio”.

Per questo secondo Draghi le ”autorità nazionali devono identificare e risolvere” questi problemi in una maniera coordinata con le misure di uscita (exit strategy) dalle azioni straordinarie messe in campo contro la crisi.

Al riguardo inoltre, Draghi ha rimarcato come ”dobbiamo evitare di gettare i semi di una futura instabilità del sistema finanziario immettendo troppa liquidità”. Questo per evitare una situazione ”contraddittoria” poiché la liquidità aggiuntiva immessa va in seguito drenata.

Quanto alla situazione italiana il governatore ha spiegato che,l e misure non convenzionali della politica monetaria espansiva della Bce hanno evitato, nel corso degli ultimi tre anni di crisi, una caduta del Pil italiano peggiore di quella verificatasi. In particolare, secondo Draghi,  l’azione delle banche centrali dell’Eurosistema ”ha evitato all’Italia una caduta del Pil dell’1%” in questo periodo.