Electrolux: assemblee e scioperi contro il governo

Pubblicato il 27 ottobre 2011 20:22 | Ultimo aggiornamento: 27 ottobre 2011 20:53

TRIESTE – La RSU di Fim, Fiom, Uilm dell' Electrolux di Susegana all'unanimità hanno indetto assemblee per mercoledì 2 novembre che saranno seguite da immediate azioni di sciopero, nella stessa giornata, ''prime iniziative di contrasto alle esplicitate decisioni assunte dal governo con la lettera inviata all'Unione Europea, in particolare su pensioni e licenziamenti nelle aziende in crisi''. Le RSU ''sollecitano le Segreterie di Cgil, Cisl, Uil nazionali e territoriali ad assumere tempestivamente tutte le azioni di lotta, sciopero e mobilitazione necessarie a contrastare unitariamente il barbaro provvedimento e la sua possibile traduzione in legge''.

La ''strampalata idea che nelle aziende si possa lavorare sino ai 67 anni e che le aziende si tengano i lavoratori sino a quell'età, con i ritmi e le condizioni esistenti, evidenzia la totale ignoranza e mala fede dei politici al governo''. Così, continua la Rsu, come il ''favorire il licenziamento dei lavoratori delle aziende in crisi produce l'inaccettabile e criminale effetto di scaricare sulla parte più esposta del Paese, i lavoratori, gli effetti economici e sociali della crisi''.