Energia e gas naturale/ Italia e Algeria stringono i tempi per un gasdotto tra i due paesi, che ridurrà la dipendenza italiana dalla Russia

Pubblicato il 31 Maggio 2009 20:25 | Ultimo aggiornamento: 31 Maggio 2009 21:29

 Con il progetto del gasdotto Galsi il mercato italiano del gas potra’ aprirsi a nuovi operatori, tra cui la societa’ algerina Sonatrach. E’ quanto ha dichiarato il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, nel corso della conferenza stampa successiva all’incontro con il ministro algerino dell’Energia Chakib Khelil.

“Sonatrach potra’ entrare nel mercato italiano grazie al progetto Galsi, il gasdotto che portera’ il metano dall’Algeri all’Italia passando per la Sardegna”.  Tra le righe c’è anche il fatto che il gas algerino riduce la dipendenza dell’Italia dai russi, che non si sono rivelati dei partner affidabili, secondo l’esperienza dell’inverno 2008 – 2009.

Il ministro ha spiegato che i due Paesi hanno deciso di accelerare sulla realizzazione dell’infrastruttura e a breve si dovrebbero avere tutte le autorizzazioni necessarie per partire con la realizzazione dell’opera. Il ministro ha aggiunto che il gasdotto portera’ 8 miliardi di metri cubi di gas.

.