Facebook, gli inserzionisti britannici minacciano l’addio

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 marzo 2018 13:17 | Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2018 13:17
Facebook, gli inserzionisti britannici minacciano l'addio

Facebook, gli inserzionisti britannici minacciano l’addio

ROMA – Gli inserzionisti britannici minacciano di abbandonare Facebook dopo la vicenda del sospetto abuso dei dati di decine di milioni di utenti.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Non è la sola reazione: la neo ministra della Giustizia tedesca, la giurista Katarina Barley, ha minacciato pene severe al colosso del web Facebook. Per l’Isba, l’organismo che rappresenta le maggiori agenzie pubblicitarie del Regno Unito, “Il troppo è troppo”.

David Kershaw, boss del colosso M&C Saatchi, conferma poi che la minaccia di passare su altre piattaforme “non è un bluff” in mancanza di garanzia di svolte sulla sicurezza dei dati. La Isba rappresenta circa 3000 agenzie, una forza considerevole come nota il numero uno di Saatchi.

“Io non credo sia un bluff, si tratta di una pressione reale”, avverte Kershaw a Bbc Radio 4, citando lo scandalo Facebook-Cambridge Analytica come la goccia che può far traboccare il vaso e lasciando intendere che le scuse di Mark Zuckerberg non bastano.

“Io penso che i clienti siano arrivati a un punto nel quale il troppo è troppo, e hanno ragione”, dice Kershaw. “Dal punto di vista dei consumatori – aggiunge – i social network restano un servizio straordinario in cambio del quale tu condividi i tuoi dati. Ma credo sia un accordo che la maggior parte dei consumatori accetta solo finché quei dati non vengono fatti oggetto di abuso, come accade ora”.

Fra i grandi inserzionisti, nota Bbc, il boicottaggio di Facebook (ma anche di Google) è già stato minacciato dalla multinazionale Unilever, per bocca del responsabile marketing Keith Weed: “Non possiamo avere un ambiente nel quale i nostri clienti non si fidano di quello che trovano online”.