Fed, Janet Yellen rassicura i mercati: “Avanti con aiuti a economia”

di Ugo Caltagirone
Pubblicato il 14 Novembre 2013 4:37 | Ultimo aggiornamento: 14 Novembre 2013 0:30
Fed, Janet Yellen rassicura i mercati: "Avanti con aiuti a economia"

Fed, Janet Yellen sostituirà Ben Bernanke alla guida della banca centrale Usa

NEW YORK – (ANSA) – La Fed andrà avanti con le misure straordinarie messe in campo per sostenere l’economia americana. Si presenta così Janet Yellen, scelta dal presidente Barack Obama per succedere a Ben Bernanke alla guida della banca centrale statunitense.

Nell’intervento che terrà davanti ai senatori che dovranno dare il via libera alla sua nomina Yellen assicura continuità col suo predecessore. Tranquilizzando i mercati impauriti dalla prospettiva di un graduale ritiro delle misure anticrisi: dalla politica dei tassi vicino allo zero al programma di acquisto di titoli per un ammontare di 85 miliardi di dollari al mese.

Alla Federal Reserve, afferma la nuova numero uno, resta ancora ”molto da fare per aiutare l’economia e il mercato del lavoro”. ”La disoccupazione resta troppo elevata”, spiega, ”e credo che sostenere la ripresa oggi sia il modo più sicuro per ritornare a un approccio più normale della politica monetaria”.

Quanto fatto finora, dunque, non basta. Per la presidente designata della Fed, ”si deve andare più lontano se si vuole realmente riguadagnare il terreno perduto nel corso della crisi, della grande recessione”. Del resto gli ultimi dati diffusi dall’amministrazione Obama parlano chiaro: la disoccupazione, nonostante una costante crescita dei nuovi posti di lavoro, resta al 7,3%: niente a che vedere col 10% di qualche mese fa, ma ancora troppo alta. Senza contare l’effetto ‘shutdown’ che potrebbe ancora manifestarsi con i numeri sui posti di lavoro a novembre.

La crescita del Pil, poi, seppur reale mostra una ripresa dell’economia ancora fragile e incerta. Una ripresa esposta a rischi di varia natura e che va ancora rafforzata. Per questo per Yellen, nonostante ”i buoni progressi fatti”, resta molta strada da percorrere perché l’economia Usa possa riprendersi davvero dalle conseguenze della recessione.

”Solo una forte ripresa – afferma – metterà la Fed in grado di ritirare la sua politica monetaria accomodante e le sue misure non convenzionali”. Affermazioni che potrebbero spingere Wall Street ancora più in alto, dopo la chiusura odierna in cui il Dow Jones e l’indice S&P500 (quello che riguarda le 500 aziende a maggiore capitalizzazione) hanno messo a segno dei nuovi record.

Resta la preoccupazione di molti che puntano il dito proprio sulle politiche della Fed, accusate anche da molti membri del Congresso di ‘drogare’ l’andamento della Borsa, col rischio di una bolla sempre dietro l’angolo.