Fiat-Chrysler. Marchionne presenta piano: 8 nuovi modelli, 5 miliardi per Alfa

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Maggio 2014 12:59 | Ultimo aggiornamento: 6 Maggio 2014 17:23
Fiat-Chrysler. Marchionne a Detroit presenta piano: scorporo Alfa, Jeep raddoppia

Fiat-Chrysler. Marchionne a Detroit presenta piano: scorporo Alfa, Jeep raddoppia

ROMA – Fiat-Chrysler.  Sergio Marchionne a Detroit presenta il piano: otto nuovi modelli e raddoppio delle vendite per Jeep. L’amministratore delegato di Fiat e Chrysler (Fca) ha annunciato anche investimenti da 4-5 miliardi di euro per Alfa.

Fiat prevede 8 nuovi modelli fra il 2014 al 2018 nell’area Emea, che include Europa, Medio Oriente e Africa. I nuovi modelli sono la 500 X, che dovrebbe arrivare nel 2014; nel 2015 arriveranno una berlina compatta e una non precisata ‘Specialty’. Il 2016 sarà l’anno di una compatta hatch, una compatta station wagon e una vettura del segmento B. Nel 2017 arriverà un Cuv (cross utility vehicle) e nel 2018 la nuova Panda.

Il target di vendite per il marchio Fiat a livello globale nel 2018 è di 1,9 milioni di auto vendute, in aumento rispetto al milione e mezzo del 2013. In particolare, si prevede il raddoppio delle vendite al 2018 nell’area Nafta (Nord America, Canada e Messico) a 100.000 unità dalle 50.000 del 2013. L’incremento maggiore sarà in Asia-Pacifico, con le vendite stimate che dovrebbero raggiungere le 300.000 unità nel 2018 contro le 70.000 del 2013. Nell’area Emea (Europa, Medio Oriente e Africa) le vendite sono previste stabili a circa 700.000 unità e in America Latina in aumento dalle 700.000 del 2013 alle 800.000 del 2018.

Jeep punta a un target di 1,9 milioni di vendite annuali nel 2018, più del doppio rispetto alle 732.000 unità del 2013 (+160% rispetto al 2013), ed è in corsa per centrare l’obiettivo di un milione di vendite nel 2014.  A spingere le vendite nei prossimi quattro anni sarà l‘America Latina, con un aumento delle vendite del 50%, e l’Asia-Pacifico con un +45%. In Europa l’aumento delle vendite è previsto del 35% mentre nel Nafta (Stati Uniti, Canada e Messico) del 10%. Gli stabilimenti di Jeep aumenteranno da quattro in un Paese a dieci impianti in sei Paesi: gli stabilimenti non situati in Nord America produrranno 900.000 veicoli entro il 2018. La produzione globale di Jeep salirà del 138% a 1,9 milioni di unità nel 2018.

La crescita di Jeep sarà affidata anche a nuovi modelli o restyling: il Renegade che esordirà quest’anno; nel 2016, anno del 75° anniversario di Jeep, sarà la volta del ‘C Suv’, mentre nel 2017 sono attesi i nuovi modelli o restyling del Wrangler e del Grand Cherokee; nel 2018 toccherà al Grand Wagoneer.