Fiat, Chrysler e Volkswagen a confronto: orari, contratti e sciopero

Pubblicato il 31 Gennaio 2011 12:04 | Ultimo aggiornamento: 31 Gennaio 2011 12:04

Se in Chrysler si fanno cinque minuti di pausa a ogni ora lavorata, in Fiat c’è la mezz’ora di mensa retribuita, alla Volkswagen invece ci sono 35 minuti di pausa pagata più 20 di pausa non retribuita.

Sono alcuni dei dati snocciolati da Paolo Griseri su Repubblica che racconta il confronto tra le tre aziende: contratti diversi, orari diversi e soprattutto una gestione diversa dallo sciopero.

L’incontro è stato promosso dall’associazione “Lavoro e Welfare” presieduta dall’ex ministro del lavoro, Cesare Damiano. Tra l’Italia, la Germania e gli Usa ci sono molte differenze: “Se vogliamo aggiungere ai 30 minuti di pausa di Francesco la mezz’ora della mensa, l’italiano si ferma un’ora, il tedesco un’ora e 5 minuti e il povero John è ultimo con 40 minuti”.

In Germania la settimana lavorativa può essere di 25 ore o di 33 (per chi è stato assunto dopo il 2005). Inoltre ogni ora di straordinario viene contrattata con il consiglio di fabbrica. La settimana lavorativa di Mirafiori raggiunge quota 40 ore ma Fiat può ordinare 120 ore annue di straordinario senza trattative.

Sul diritto di sciopero Chrysler invece è la più dura: fino al 2015 in pratica non si può fare. In Italia si può scioperare solo su materie non regolate dal contratto di lavoro, mentre in Germania si può se il 75 per cento degli iscritti al suo sindacato lo approva.