Fiat, Marchionne: “Per Mirafiori spero in un accordo entro Natale”

Pubblicato il 17 Novembre 2010 22:10 | Ultimo aggiornamento: 17 Novembre 2010 22:34

Sergio Marchionne

“L’obiettivo è quello di fare una proposta per Mirafiori che spero si concluderà prima di Natale perché ovviamente non possiamo più aspettare. Siamo arrivati agli sgoccioli: continuo a dire a tutti quanti che il tempo corre e che noi dobbiamo investire per andare avanti”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne al Salone dell’auto di Los Angeles.

“Se riusciamo a trovare le condizioni per farlo e garantirci la governabilità degli stabilimenti in Italia lo facciamo – ha aggiunto Marchionne – Se non ci vogliono ce lo dicano, non è una minaccia ma sfortunatamente dobbiamo produrre. La 500 che vedete qui non ha avuto un minimo di intoppo a livello sindacale: è stata lanciata nei tempi previsti e con gli stessi costi. Questo tipo di affidabilità deve iniziare a scaturire anche in Italia. La Fiat è impegnata a portare avanti il discorso vediamo dove ci porta”.

”Il gruppo Fiat non ha un problema italiano – ha proseguito l’ad di Fiat – credo che la lettura che si sta dando della Fiat e’ una cosa stranissima, non riconosco la Fiat che stiamo gestendo nelle descrizioni ne’ dei giornali ne’ dell’opinione pubblica e nemmeno in alcune posizioni politiche. Siamo molto piu’ semplici e industriali di quanto pensano gli altri. La forza di questa azienda è l’apertura al mondo intero e quindi riusciamo a incassare delle sberle che non dovremmo prendere: c’e’ un limite al numero di sberle che si e’ disposti a prendere”.