Fiat, a Mirafiori un altro accordo separato. Ecco tutti i no di Fiom

Pubblicato il 23 Dicembre 2010 19:27 | Ultimo aggiornamento: 23 Dicembre 2010 19:42

Dopo Pomigliano, nuovo accordo separato, senza la firma della Fiom, per lo stabilimento Fiat di Mirafiori. Questi, in sintesi, i no dei metalmeccanici della Cgil, dall’ultimo contratto nazionale di categoria ad oggi.

Contratto. Il 15 ottobre 2009 le tute blu della Cgil non firmano l’accordo per il rinnovo del contratto nazionale dei metalmeccanici (valido per il triennio 2010-2012), che recepiva l’accordo interconfederale separato (non siglato dalla Cgil) sul nuovo modello contrattuale.

Pomigliano. Il 15 giugno 2010 la Fiom dice no all’accordo sullo stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco, considerandolo ”irricevibile” per le deroghe e l”’attacco” ai diritti dei lavoratori, al contratto, alla Costituzione.

Deroghe. Il 29 settembre 2010 Federmeccanica, Fim e Uilm raggiungono l’accordo sulle deroghe al contratto nazionale dei metalmeccanici. Non partecipa la Fiom che non viene invitata in quanto non firmataria dell’ultimo contratto di categoria, che prevede la possibilità di definire le deroghe stesse.

Cig. Il 3 novembre 2010 la Fiom non condivide l’intesa sul ricorso alla cassa integrazione in deroga (invece che straordinaria per ristrutturazione) per lo stabilimento di Pomigliano d’Arco.

[gmap]