Fiat-Opel/ Ministro economia tedesco dice che una fabbrica potrebbe chiudere, Marchionne smentisce

Pubblicato il 5 maggio 2009 19:30 | Ultimo aggiornamento: 5 maggio 2009 19:31

La Opel potrebbe dover chiudere uno dei suoi stabilimenti se sarà acquistata dalla Fiat, a quanto riferisce il Wall Street Journal citando il ministro dell’economia tedesco Karl-Theodor zu Guttenberg.

Le dichiarazioni del ministro in una conferenza stampa, scrive il Wsj, sono il primo segnale secondo cui «il progetto della Fiat di creare uno dei più grandi costruttori di automobili nel mondo potrebbe comportare rilevanti tagli occupazionali in Europa».

Secondo zu Guttenberg, il piano della Fiat prevede il mantenimento di tre dei quattro stabilimenti della Opel in Germania, mentre «è incerto il futuro della fabbrica di motori a Kaiserslautern».

Le affermazioni del ministro sono state smentite dall’ad della Fiat Sergio Marchionne, il quale in un’intervista al quotidiano tedesco Bild ha detto:  «Non vogliamo chiudere nessuno dei 4 stabilimenti di Opel in Germania: abbiamo bisogno degli impianti in futuro per costruire abbastanza auto, ma ovviamente il personale dovrà essere ridotto».

I rappresentanti dei lavoratori della Opel sono preoccupati. Secondo Klaus Franz, leader del consiglio sindacale della casa automobilistica tedesca e membro del consiglio di supervisione della compagnia, il piano di Marchionne porterebbe al taglio di 9-10mila posti di lavoro.