Fiat, Sergio Marchionne a Laura Boldrini: “Boicottaggio inaccettabile”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Luglio 2013 - 17:17 OLTRE 6 MESI FA
Fiat, Sergio Marchionne a Laura Boldrini: "Boicottaggio inaccettabile"

Sergio Marchionne (Foto Lapresse)

ROMA – L’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, attacca la presidente della Camera, Laura Boldrini, rea di non essere andata agli stabilimenti della Sevel: “Boicottaggio inaccettabile”.

Presentando i nuovi investimenti per il restyling della Ducati proprio alla Sevel in Val di Sangro, Marchionne è tornato sull’annosa questione della delocalizzazione:

“Continuiamo a credere e a investire in Italia. Ma senza regole certe questo alla Sevel è l’ultimo investimento”.

Sulla Boldrini, che giustificò la sua mancata visita alla Sevel scrivendo, tra l’altro, “non sarà certo nella gara al ribasso sui diritti e sul costo del lavoro che potremo avviare la ripresa”, Marchionne ha replicato: “Non vogliamo mettere in discussione gli investimenti annunciati ma non possiamo accettare che comportamenti violenti e il boicottaggio del nostro impegno vengano considerati esercizio di diritti anche da parte di autorevoli istituzioni”.

Allo stesso tempo l’amministratore delegato italo-canadese si è detto disponibile ad incontrare la Fiom

 “ma partendo dal dato acquisito che non possono essere messi in discussione gli accordi presi dalla maggioranza. Serve un piano di coesione nazionale per la ripresa economica”.