Fiat. Pomigliano, stop alla produzione. Cassino riapre ma la Fiom teme la crisi

Pubblicato il 29 agosto 2012 11:24 | Ultimo aggiornamento: 29 agosto 2012 11:24
Sergio Marchionne

Sergio Marchionne (LaPresse)

ROMA – Produzione ferma nello stabilimento Fiat di Pomigliano dal 24 al 28 settembre e dall’1 al 5 ottobre. Un nuovo stop dettato dalla crisi del mercato automobilistico italiano ed europeo. L’annuncio poi arriva insieme a quello della ripresa di produzione nello stabilimento di Piedimonte San Germano, vicino Cassino, dopo un mese trascorso tra ferie e cassa integrazione.

Ma i 3900 operai di Piedimonte San Germano non lavoreranno a pieno regime. Tra settembre e ottobre i giorni di lavoro saranno 3 a settimana, gli altri 2 di cassa integrazione. I sindacati ora temono per la produzione. A Cassino vengono prodotte le nuove vetture, le Giulietta, le Bravo e le Delta. Auto che sentono in particolar modo la crisi e che spingono i sindacati a parlare di “futuro nebuloso” e di “incertezza”.

Arcangelo Compagnone, segretario provinciale Fiom di Frosinone, ha detto: “Siamo preoccupati e temiamo un ulteriore aumento della cassa integrazione. Senza la produzione di nuovi modelli non si supererà questa fase delicata allo stabilimento di Cassino. Serve un piano industriale che indichi investimenti e tempi certi”. Timori che con i nuovi stop di produzione a Pomigliano e le ipotesi di accorpamento dei due stabilimenti, sebbene smentite dall’ad di Fiat Sergio Marchionne, non possono che aumentare.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other