--

Finanziaria 2011: dimezzati gli aiuti per i Paesi bisognosi

Pubblicato il 19 Ottobre 2010 20:16 | Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre 2010 20:16

Il governo italiano ha dimezzato i fondi per la cooperazione, tagliandoli del 45 per cento. E’ quanto risulta dalla Finanziaria 2011, che ha destinato ai Paesi bisognosi d’aiuto solo 179 milioni di euro, la cifra più bassa degli ultimi vent’anni, meno di un decimo dei fondi di un’organizzazione non governativa come Medici senza frontiere.

Una cifra, per di più, a cui vanno poi sottratti circa 80 milioni di euro per le spese di gestione, lasciando meno di 90 milioni per le operazioni sul terreno.

La novità italiana è per di più in controtendenza con gli altri Paesi, sia europei sia extra-europei. Nell’Ue, benché stretti nella morsa della crisi, tutti gli altri 26 hanno tagliato su tutto ma non sulla cooperazione allo sviluppo.

Gli stessi emergenti Cina e Brasile stanno aumentando ogni anno i propri investimenti in cooperazione internazionale, consapevoli di contribuire in questo modo anche alla tutela del proprio interesse nazionale.0

Il dimezzamento degli aiuti viene annunciato a meno di un mese dall‘Assemblea Generale dell’ONU dedicata agli obiettivi del millennio, che aveva visto l’accordo sullo stanziamento di quaranta miliardi di dollari per aiuti alla salute di donne e bambini. Aiuti a cui, evidentemente, l’Italia contribuirà ben poco.