Fitch declassa sei banche: anche Deutsche Bank Goldman e Barclays

Pubblicato il 16 Dicembre 2011 11:31 | Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre 2011 12:41

BERLINO – L’agenzia di rating americana Fitch ha declassato la valutazione di sei banche internazionali, fra cui la Deutsche Bank, primo istituto di credito tedesco, passato da AA- a A+. Colpiti Goldman Sachs, Barclays, Credit Suisse e BNP Paribas. La valutazione è relativa alla credibilità delle banche nel lungo periodo, secondo quanto scrive l’APA.

Il declassamento non ha però toccato i titoli bancari italiani. Verso mezzogiorno Banco Popolare è in asta di volatilità, con un rialzo teorico del 7,74%. Bene anche Ubi Banca (+5,37%), Mediobanca (+5%), e Intesa Sanpaolo (+2,15%). Fondiaria-Sai continua a correre, con un rialzo del 4,51% a 0,75 euro, tentando di recuperare parte delle pesanti perdite accusate nelle ultime due settimane, mentre continuano a rincorrersi ipotesi su possibili riassetti azionari del gruppo.

Dopo un avvio in rialzo, a metà mattinata, le borse europee scambiano contrastate. Londra segna +0,44% a 5.424 punti, Francoforte +0,04% a 5.732, Parigi -0,19% a 2.993, Amsterdam +0,01% a 294,67 e Milano -0,26% a 14.569 punti. L’Italia è guardata con attenzione, visto il voto di fiducia sulla manovra, previsto in giornata alla Camera. Intanto risulta in ulteriore restringimento lo spread tra Btp e Bund tedeschi, con il differenziale tra i due titoli di Stato decennali che si porta sulla soglia dei 440 punti rispetto ai 463 della chiusura di giovedì (secondo il vecchio benchmark di uso comune). Il rendimento del Btp a 10 anni è al 6,33%.