Pensioni, flat tax, Iva: i temi dell’accordo fra Lega e 5 Stelle

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 maggio 2018 17:06 | Ultimo aggiornamento: 12 maggio 2018 17:06
governo temi contratto ansa

Il leader del M5s Luigi Di Maio arriva in stazione centrale per partecipare ad un vertice con il leader della Lega Salvini

ROMA – L’introduzione del meccanismo di “quota 100“, tra età anagrafica e contributi, per andare in pensione costerebbe 15 miliardi l’anno. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz – Apps on Google Play] La flat tax a due aliquote, con detrazioni decrescenti e cumulo dei redditi familiari, potrebbe costare tre volte tanto, fino a 45-50 miliardi. E a conti fatti i benefici, per una gran parte di contribuenti, potrebbero garantire un alleggerimento attorno al 40-50% per la maggior parte delle famiglie. C’è poi il reddito di cittadinanza e la necessità di annullare l’aumento Iva da 12,5 miliardi che scatterebbe a gennaio e potrebbe costare in media 242 euro a famiglia.

I temi che potrebbero entrare nel possibile programma di un governo M5s-Lega iniziano a riempirsi di dettagli. E, dalle pensioni alle tasse, arrivano anche le prime simulazioni su costi ed effetti.

LEGGE FORNERO ADDIO, COSTO FINO 15-16 MILIARDI L’ANNO. Le due proposte sul tavolo sono quelle di consentire l’andata in pensione con ”quota 100”, tra età anagrafica e contributi, oppure dopo 41 anni di lavoro. Nel primo caso il costo, introducendo anche il criterio di almeno 35 anni di contributi, – secondo i calcoli fatti da Stefano Patriarca, a lungo consulente di Palazzo Chigi per la previdenza e ora responsabile della società di consulenza e ricerca Tabula – è di 11,5 miliardi per l’anno di arrivo per arrivare a 15 miliardi a regime. Se si consente anche l’andata in pensione contemporaneamente con il criterio di uscita dopo 41 anni di contributi indipendentemente dall’età il costo può salire a 16 miliardi a regime (12,3 miliardi nel primo anno). Insomma – per Patriarca – in 10 anni si potrebbe arrivare fino ad un costo cumulato di 150 miliardi di euro in 10 anni.

FLAT TAX A 2 ALIQUOTE. L’ipotesi sul tappeto è quella di introdurre 2 aliquote sui redditi ”familiari”, cumulando quindi quelli personali, al 15% fino a 80 mila euro e al 20% oltre. Sono poi previste deduzioni per 3.000 euro ogni componente familiare fino a 35 mila euro e solo per i familiari a carico tra i 35 e i 50 mila euro. I conti, nel dettaglio, sono stati fatti da Il Sole 24 Ore che evidenzia come il nodo rimanga quello dei costi di copertura che si aggirerebbero tra i 45 e i 50 miliardi. L’effetto della nuova curva sui redditi familiari – calcola il quotidiano – sarebbe differenziato tra single, famiglie monoreddito o con due redditi. Per i single lo sconto minore è sotto i 15.000 euro di reddito (solo il 5%) mentre tra i 30.000 e i 100.000 euro l’alleggerimento Irpef varia tra il 41 e il 53%. A 60.000 euro c’è lo sconto percentuale massimo, che vale in soldoni 9.500 euro. Per una famiglia monoreddito lo sconto tra i 30 e i 100 euro di reddito varia tra il 42 e il 52%. L’effetto combinato di aliquote e detrazioni, però, aumenta il prelievo per i redditi bassi, che sarebbe neutralizzato da una clausola di salvaguardia. Meno marcato, invece, lo sconto per le famiglie con due redditi: dal 6% di 30.000 euro di reddito, fino al 33% dei 100.000 euro. Va segnalato che, in valori assoluti, più si guadagna e più si risparmia: a 100.000 euro lo sconto va dai 9 ai 16 mila euro a seconda del tipo di famiglia.

L’IVA, CACCIA A 12,5 MLD. AUMENTO DA 242 EURO A FAMIGLIA. Tutti i partito vogliono neutralizzare l’aumento Iva che scatterebbe il prossimo gennaio. Servono 12,5 miliardi. Secondo i calcoli della Cgia di Mestre il rincaro medio per famiglia sarebbe di 242 euro l’anno: 284 euro al nord, 234 al centro, 199 al sud.

LE COPERTURE, TRA SANATORIA E TAGLIO A SCONTI: Coprire tutti gli interventi non sarà facile. Si ipotizza una riduzione delle agevolazioni fiscali, che sono una selva, ma anche la possibile attuazione di una sanatoria ”Saldo e Stralcio” da 35 miliardi per chi ha pendenze con il fisco: il problema è che si tratterebbe di entrate una tantum a fronte di riduzioni d’imposta strutturali, che durano nel tempo.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other